Free Tourism

C’è chi la chiama “sharing economy turistica”, chi “consumo collaborativo”, chi ancora “free tourism”: la sostanza non cambia e si sostanzia nella possibilità di fare una vacanza gratis. Ma, attenzione, questa opzione non è riservata solo ai giovani: l’elemento di maggior interesse dal punto di vista sociologico è infatti questo: giovani, famiglie con bambini, coppie di amici, senior sono alla ricerca di questa opzione di soggiorno che, però, è di una sola tipologia, quella leisure. Le formule sono le più varie: si va dallo “home swapping” (lo scambio della casa tra proprietari) al “woofing” (vitto e alloggio in cambio di un aiuto in fattoria e nei campi), sino alla possibilità di fare una vacanza col “baratto” (nei B&B italiani si iniziò organizzando una settimana di soggiorno gratis in cambio di lavori manuali o altro ed ora il baratto funziona tutto l’anno); dal soggiorno svolgendo attività di “care&sitter”, curando i beni dei proprietari (dagli animali alla cura della casa) al “couch surfing” (il divano a disposizione per dormire a casa di altri); dal “warm showers” (che si basa sulla disponibilità di fare una doccia calda ma si sviluppa anche nel posto letto, nella cena, etc.) al “bed&learn” (insegnare in cambio di ospitalità). La maggioranza di queste opportunità sono nate nei Paesi anglosassoni, per poi svilupparsi anche in Italia. Un fenomeno, questo, che genererà in Italia, nel 2015, oltre 90mila, per un totale di 834mila notti, con un incremento del +13,7% rispetto al 2014. Il 57,8% di questi ospiti è rappresentato da stranieri, in particolar modo da americani, inglesi e canadesi. Gli italiani che ne usufruiscono in maniera maggiore sono i laziali, i veneti e gli umbri. Si tratta di “un’economia del risparmio” che, nel 2015, sarà in grado di sottrarre quasi 53Milioni di Euro di fatturato al solo sistema ricettivo italiano; valore che supera i 65Milioni di Euro considerando l’intera filiera dei servizi free offerti e del risparmio di spesa sul territorio. Chi fosse interessato a conoscere questo fenomeno nella sua complessità è invitato a scaricare la Ricerca.

 

Per scaricare la ricerca, inserisca i suoi dati:


Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

2017-01-27T12:43:01+00:00